Scopri Ariete

Come essiccare la frutta in casa

Come essiccare la frutta in casa

Come fare la frutta essiccata in casa

Buonissima per condire le insalate estive e per condire dolci e lievitati, o ottima da gustare come snack al naturale, la frutta secca è un alimento assai prezioso. Non solo per le sue note di sapore intense, ma anche per il suo apporto nutritivo in un'alimentazione sana e bilanciata. In più, si tratta di una valida alternativa anti-spreco, da consumare ogni volta che ne abbiamo voglia e in ogni periodo dell'anno. Il processo di essiccazione è molto semplice, e prevede di eliminare quasi la totalità degli acqua che normalmente contengono gli alimenti, così da poterli conservare più a lungo e in tutta sicurezza. Vediamo quindi come essiccare la frutta direttamente a casa, e quali sono tutti i benefici e le proprietà uniche della frutta secca.

Quali tipi di frutta essiccare

Prima di scoprire come essiccare la frutta e quali sono gli strumenti da utilizzare, è importante capire quali sono i frutti che possiamo tranquillamente trattare con essiccazione a casa. Considerando che ci troviamo di fronte ad un processo del tutto naturale e diffuso fin dai tempi più antichi, quasi tutte le varietà di frutta possono essere essiccate, al giusto grado di maturazione. Spazio allora a mele, fragole, albicocche, mirtilli, more, lamponi, ananas, ciliegie, prugne, fichi, pere, banane, lamponi, arance, more, fragoline e frutti di bosco. Come già detto, andranno tutti essiccati eliminando circa l'80/90% di acqua presente naturalmente al loro interno. 

Come essiccare la frutta

L'essiccazione è uno dei metodi di conservazione più antichi e assieme naturali. Ampiamente diffuso nella tradizione contadina, consente di conservare la frutta - ma anche la verdura, le erbe aromatiche e alcuni tipi di ortaggi - per poi mangiarla in tutte le stagioni dell'anno. Anche in quelle meno fruttuose. Oggi, essiccare la frutta è ancora più facile grazie agli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia: non dovremo esporla al sole per giorni e ad alte temperature, ma semplicemente fare affidamento su alcuni dei tanti piccoli elettrodomestici presenti nel catalogo di Ariete. Senza fatica e in poco tempo, avremo a disposizione tanta frutta secca pronta da mangiare, e che conserva tutte le sue proprietà organolettiche.

Essiccare la frutta in forno

Un ottimo metodo per disidratare la frutta è utilizzare un forno, anche un modello elettrico. Forno che andrà impostato ad una temperatura costante tra i 40 e i 60 gradi in modalità ventilata - se assente, possiamo sempre lasciare leggermente aperto lo sportello per ottenere lo stesso risultato. Prima di tutto, tagliamo la frutta precedentemente denocciolata a fette molto sottili, e disponiamola sulla teglia ricoperta con della carta da forno. Inforniamo e lasciamo in forno dalle 4 alle 12 ore, a seconda della quantità di acqua presente nel frutto che abbiamo scelto di essiccare.

Essiccare la frutta con l'essiccatore

Quando si tratta di frutta secca, è però l'essiccatore elettrico lo strumento più adatto, preziosissimo alleato in cucina per quanti apprezzano questa delizia sana e nutriente. Gli essiccatori come B-dry di Ariete sono particolarmente funzionali, in grado di assicurare l'evaporazione dell'acqua e, allo stesso tempo, il mantenimento del livello di minerali e vitamine negli ingredienti più genuini. I 5 cestelli intercambiabili in dotazione permettono di disidratare tanti cibi differenti in contemporanea, per poi conservarli a lungo termine senza dover aggiungere additivi e conservanti, combinando una cucina salutare con una saporita e gustosa. I cestelli trasparenti BPA free permettono poi di monitorare in qualsiasi momento l'avanzamento dell'essiccatura, mentre la temperatura regolabile e la distribuzione uniforme del calore conservano il livello ottimale di nutrienti nella frutta.

Essiccare la frutta con il microonde

Una terza alternativa per essiccare la frutta è quella di indirizzarsi su un forno a microonde. Anche in questo caso, farlo è semplicissimo. Dovremo solo posizionare un foglio di carta da forno all'interno del microonde. Disponiamo quindi le fettine di frutta tagliate molto finemente, azioniamo il timer per circa un minuto, e successivamente procediamo aumentando il tempo di cottura per circa 30 secondi. Sarà necessario andare avanti finché il frutto non sarà completamente disidratato. 

I benefici della frutta essiccata fatta in casa

Ora che sappiamo come essiccare la frutta a casa, non ci resta che goderci tutti i suoi benefici. Come già detto, questi sono legati alla stessa essiccazione, che consente di ridurre al minimo la dispersione delle proprietà nutrizionali degli alimenti, conservandone le proprietà organolettiche e senza variare il loro contenuto calorico, poiché non prevede l'aggiunta di alcun ingrediente. L'assenza di acqua, poi, evita la proliferazione di germi e batteri, per frutta secca da sgranocchiare in tutta sicurezza.

Con le sue 359 kcal per 100 grammi di media, la frutta disidratata è un'ottima fonte di energia, se consumata senza esagerare. Non a caso i migliori nutrizionisti consigliano di mangiarne circa 30 g al giorno al mattino, così da affrontare la giornata con la giusta carica. Per via della disidratazione, a parità di peso con la frutta fresca, quella lasciata essiccare contiene una percentuale più alta di fibre, vitamine e sali minerali. Proprio per questo il suo consumo apporta grandi benefici al nostro organismo, soprattutto per quanto riguarda il tratto intestinale, la pelle e le ossa.

essiccatore 2